Benefici dello zinco

Zinco, essenziale per l’immunità

Quali sono i benefici dello zinco?

Lo zinco è un oligoelemento allo stesso modo del rame e del magnesio. È naturalmente presente in tracce nel corpo umano, il 60% nei muscoli e il 30% nelle ossa.

Lo zinco gioca un ruolo essenziale nel mantenimento della buona salute. È necessario, tra l’altro, per il metabolismo degli acidi nucleici, per la sintesi delle proteine, per il metabolismo degli acidi grassi polinsaturi, per la costituzione di enzimi e per la sintesi delle prostaglandine. Le sue virtù sono molteplici.

Il consumo di zinco contribuisce in particolare al rafforzamento dell’immunità e al miglioramento dei problemi dermatologici, come l’acne.

Se siamo carenti di zinco, la nostra salute può peggiorare, ecco perché è importante assicurarsi di includerlo nei nostri pasti.

Lo zinco è presente in molti prodotti animali come carne, frutti di mare, frattaglie, formaggio, ostriche, uova, ma anche in cereali, legumi e noci

Benefici dello zinco: quali alimenti contengono più zinco?

Se la tua dieta è vegetariana o strettamente vegana, ci sono molti alimenti non animali che contengono zinco. Tuttavia, non basta consumare zinco, deve anche essere ben assorbito dal corpo.

Poiché i cereali interi sono difficili da digerire per l’intestino, considerate invece di mangiare germe di grano, semi di sesamo, funghi shiitake e legumi come i ceci.

Per evitare una possibile carenza di zinco, e in particolare se si segue una dieta povera di proteine animali (vegetariana o vegetariana), gli integratori alimentari possono garantire un apporto sufficiente di zinco.

In generale, la quantità raccomandata di zinco è di 12 mg per un uomo e 10 mg per una donna, con il bisogno che aumenta a 14 mg per una donna incinta.

A qualsiasi età, è essenziale evitare qualsiasi carenza, perché può portare a gravi problemi di salute nei bambini e negli adulti.

Ecco perché è importante avere una dieta ricca di oligoelementi, per garantire una salute ottimale su base giornaliera.

L’assunzione di integratori alimentari, sotto forma di un corso di trattamento, può aiutare a garantire un apporto giornaliero ottimale.

Lo zinco può anche essere combinato con altri integratori vitaminici come le vitamine B6, C o D.

Quali sono i sintomi di una carenza di zinco?

Una leggera carenza di zinco è abbastanza comune. Si trova principalmente nelle donne, negli adolescenti, nei bambini e negli anziani.

La carenza di zinco può essere osservata nei diabetici, nelle persone che soffrono di diarrea grave, nelle sindromi da malassorbimento, nei disturbi renali, nella cirrosi epatica o nell’alcolismo.

Come possiamo dire se siamo carenti di zinco nel nostro corpo?

Oltre a una consultazione medica seguita da un esame del sangue, alcuni segnali d’allarme possono mettere in guardia.

Se notate un deterioramento dell’aspetto della vostra pelle, come la secchezza, è possibile che vi manchi lo zinco. Allo stesso modo, se le tue unghie sono fragili o i tuoi capelli sembrano indeboliti, dovresti suonare l’allarme.

Se ti ammali frequentemente o soffri di agueusia, potresti avere una carenza o un deficit di zinco.

Zinco integratore alimentare cura

Benefici dello zinco: un grande alleato per il tuo sistema immunitario

Lo zinco è un minerale traccia che è fondamentale per mantenere il sistema immunitario.

Lo zinco, preso per via orale, aiuta a trattare i sintomi del raffreddore negli adulti.

Lo zinco è antinfettivo: aumenta la produzione di linfociti T e permette la loro attivazione. È anche coinvolto nella sintesi delle prostaglandine antinfiammatorie.

La maggior parte degli studi clinici mostra una riduzione significativa della durata dei sintomi del raffreddore in seguito all’assunzione di zinco. Per quanto riguarda un possibile effetto preventivo dello zinco, gli studi sono divisi.

Va notato che, contrariamente ad alcune affermazioni, non ci sono prove solide a sostegno dell’uso dello zinco contro il covid-19.

Lo zinco protegge il corpo

Benefici dello zinco: mantenere una buona visione

La melamina non rafforza la vista, interviene solo sul colore dell’iride (più melanina c’è, più scuro è il colore degli occhi).

Lo zinco è un oligoelemento antiossidante presente in alta concentrazione nei tessuti dell’occhio e più particolarmente nella retina. Svolge un ruolo essenziale nel mantenimento di una visione normale. La carenza di zinco può portare a diversi sintomi oculari.

L’assunzione di zinco, soprattutto in combinazione con vitamine antiossidanti, sembra rallentare la progressione di AMD.

Lo studio AREDS, condotto su più di 3600 persone seguite per poco più di 6 anni, ha dimostrato che nelle persone ad alto rischio di sviluppare la AMD (degenerazione maculare legata all’età), il consumo di alte dosi di zinco potrebbe ridurre il rischio di sviluppare la malattia del 25%.

In questo studio, il dosaggio di zinco è stato di 80 mg al giorno, cioè una dose 8 volte superiore al Recommended Dietary Allowance (RDA) di 10 mg. A meno che non sia consigliato da un medico, questo livello di assunzione di zinco non è raccomandato, ed è più prudente seguire il NRV (10 mg). Per lo studio AREDS 2, il dosaggio di zinco è stato abbassato a 25 mg. Questa riduzione del dosaggio di zinco, insieme alla rimozione del β-carotene, non ha avuto un effetto statisticamente significativo sulla progressione di AMD avanzata.

Studi di popolazione su larga scala suggeriscono che aumentare l’assunzione di zinco nella dieta può ridurre il rischio di sviluppare AMD.

Benefici dello zinco: l’alleato dei capelli e della pelle

Chi non sogna di avere una carnagione chiara e capelli belli e sani? Questo obiettivo è interamente raggiungibile grazie agli integratori alimentari di zinco in forma di capsule. Consumando regolarmente integratori di zinco, si può aiutare a mantenere una pelle dall’aspetto sano.

Lo zinco aiuta a ridurre i sintomi dell’acne.

Le persone con acne sembrano avere livelli più bassi di zinco nel siero e nella pelle. Una meta-analisi suggerisce che l’assunzione di solfato o gluconato di zinco può migliorare leggermente l’acne rispetto al placebo.

Lo zinco gioca anche un ruolo importante nella crescita e nella vitalità di capelli e unghie. Lo zinco è essenziale per la produzione di cheratina e rafforza i capelli danneggiati. Promuove l’incorporazione di aminoacidi solforati nei capelli e contribuisce alla crescita dei capelli bloccando l’attività della 5-alfa-reduttasi, un enzima responsabile della perdita di capelli nell’alopecia androgenetica.

Lo zinco limita anche il fenomeno dei capelli grassi in due modi:

  • Inibisce la 5-alfa-reduttasi che porta ad una diminuzione della stimolazione delle ghiandole sebacee, portando quindi ad una diminuzione della produzione di sebo.
  • Lo zinco è un agente antimicotico che limita la moltiplicazione dei batteri Malassezia, che si sviluppano notevolmente quando la quantità di sebo sul cuoio capelluto è alta (tesi).

Un trattamento allo zinco sarà estremamente benefico per i tuoi capelli e le tue unghie, che diventeranno più forti e resistenti.

È possibile combinare il trattamento allo zinco con la spirulina, poiché entrambi gli elementi sono noti per avere un effetto benefico sui capelli.

Rallentare l’invecchiamento attraverso lo zinco

L’invecchiamento cellulare si verifica quando i radicali liberi proliferano nel corpo. I radicali liberi attaccano le nostre cellule. Sono responsabili della senescenza e sono coinvolti nella comparsa di alcune malattie degenerative e di alcuni tumori.

Il consumo regolare di integratori alimentari a base di zinco rafforzerà automaticamente il tuo corpo e lo proteggerà efficacemente contro vari tipi di aggressioni.

Un aiuto per il controllo dello zucchero nel sangue

Lo zinco orale può migliorare leggermente il controllo glicemico in alcuni pazienti. Una meta-analisi di 12 studi clinici in pazienti diabetici ha mostrato che l’assunzione di integratori di zinco ha ridotto i livelli di glucosio nel sangue a digiuno rispetto al controllo. Tuttavia, lo zinco non sembra avere un beneficio nelle persone che vivono nell’emisfero occidentale.

L’arricchimento dietetico con alimenti ricchi di zinco, come pesce grasso, uova, noci, cereali o, in alternativa, l’uso di integratori di zinco può essere utile per mantenere una buona salute.

Effetti positivi sul cervello grazie allo zinco

Lo zinco è coinvolto nelle funzioni cognitive. Recenti ricerche dimostrano che lo zinco gioca un ruolo importante nella formazione dei depositi di peptide beta-amiloide coinvolti nella malattia di Alzheimer.

Benefici dello zinco: alleviare l’autismo

Nel 2013, gli scienziati giapponesi hanno evidenziato un legame tra autismo e carenza di zinco. Infatti, è scrutando lo scalpo di 1967 bambini autistici di età compresa tra 0 e 15 anni che sono riusciti a fare il collegamento. L’assenza di zinco durante la crescita del bambino sembra essere un terreno favorevole allo sviluppo di questa affezione. Va notato che lo zinco avrebbe anche effetti benefici sui bambini iperattivi.

Questi dati offrono una grande speranza, ma devono essere confermati da altre prove scientifiche.

Aller en haute de page